IL DISASTRO DELLA EASLAND

Chicago il 24 luglio 1915.

I dipendenti della Western Electric Company assaporarono un raro sabato libero e si aspettano una giornata di divertimento con la famiglia e gli amici all’escursione estiva annuale della compagnia a Michigan City, Indiana. Non volendo perdere un solo momento piacevole, i passeggeri con cestini da picnic e carrozzine al seguito hanno iniziato a salire a bordo della SS Eastland, la prima delle cinque navi noleggiate da Western Electric.

Il leggero rollio della nave all’ormeggio sembrava invitare ad un gioco di equilibrio, ma sottocoperta l’equipaggio della Eastland sapeva che  “La regina della velocità dei laghi” poteva essere una delle navi più veloci del Midwest, ma non era certo la più sicura: Il sistema di zavorra soffriva di ripetuti malfunzionamenti e in precedenza almeno due volte , nel 1904 e nel 1907, la nave quasi si capovolse. L’ aumento della capacità di 500 passeggeri autorizzato dagli ispettori avevano solo aggravato i problemi di stabilità del piroscafo.

I proprietari della Eastland erano consapevoli dei problemi di stabilità che dovevano essere riparati, ma pianificarono di rimandarli a dopo la fine della stagione di navigazione nel 1915 a causa della spesa.

Con i suoi tre ponti pieni al limite imbarcò 2.500 persone.

“Attenti, sta ribaltando!” gridavano i magazzinieri lungo il fiume.

Piatti e bottiglie caddero a terra. Il panico si diffuse quando la nave, sotto un ampio rollio inizio ad imbarcare acqua.

Alcuni  passeggeri e alcuni membri dell’equipaggio riuscirono a saltare in banchina mentre si spezzava l’ultimo cavo d’ormeggio. 

 

Per quelli a bordo del piroscafo, il mondo si era improvvisamente girato di lato: l’Eastland s’inclinò sul lato di babordo e rimase parzialmente sommerso in meno di 20 piedi d’acqua.

“Giaceva come una barca giocattolo di latta naufragata in un canale di scolo”, ha riferito il Chicago Tribune.

Gli sfortunati passeggeri che si trovavano a babordo furono schiacciati dalle centinaia di persone, sedie a sdraio e altri mobili che all’improvviso sono caduti sopra di loro.

“L’intera folla di uomini, donne e bambini scivolò con una massa di scatole per il pranzo, bottiglie, sedie, spazzatura di ogni tipo; mentre i ponti chiusi si riempivano di acqua e detriti, una folla di umanità cercò di arrampicarsi fino al ponte passeggiata, ora girato di lato.

La massa umana trasformò l’unica via di fuga in una trappola mortale.

Urla mescolate a gorgoglii mentre i sopravvissuti lottavano per rimanere a galla nel fiume sporco, un cocktail tossico di liquami grezzi e detriti dai recinti per il bestiame di Chicago.

Pochi passeggeri sapevano nuotare, e anche quelli che lo facevano erano appesantiti dai loro vestiti bagnati.

 

 

i soccorritori hanno sollevato corpi senza vita trovati dai sommozzatori che lavoravano nelle stive oscure della nave. In tutto, la tragedia di Eastland ha causato 844 vittime, tra cui più di 50 neonati. In pochi minuti, il ribaltamento ha spazzato via 22 intere famiglie.

 

 

 

Presented by Romano Pisciotti

 

 

2 comments on IL DISASTRO DELLA EASLAND

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *