La nuova “Leonardo da Vinci”

Presso il cantiere navale di Vard a Tulcea, in Romania, è stata appena varata con successo la nuova nave posacavi che la controllata di Fincantieri sta costruendo per il gruppo italiano Prysmian.
La nuova unità si chiama Leonardo da Vinci e tutta la parte di scafo, installazione motori e realizzazione delle sovrastrutture è stata completata secondo i tempi previsti. Ora la nave verrà rimorchiata dal Mar Nero fino in Norvegia, presso il cantiere di Brattvåg, per l’installazione dei macchinari e delle attrezzature appositamente progettati per il funzionamento di questa posacavi. Il tempo necessario previsto per il rimorchio dello scafo dalla Romania alla Norvegia sarà di circa un mese.
La Leonardo da Vinci sarà operativa entro la metà del 2021 e costerà a Prysmian oltre 170 milioni di euro. Sarà un asset strategico per rafforzerà la capacità del gruppo di esecuzione dei progetti d’installazione sottomarine e il suo approccio come fornitore di servizi sul modello ‘one-stop-shop’. Con una lunghezza di circa 170 m e un’ampiezza di circa 34 m, questa nave Leonardo da Vinci è stata concepita per essere la nave posacavi più performante presente sul mercato e garantirà maggiore capacità e versatilità nella realizzazione di progetti grazie a funzionalità avanzate quali: capacità di installazione in acque profonde a più di 3.000 metri anche grazie a una tecnologia in cavo di nuova generazione, dotata di un’armatura più leggera; velocità massima superiore ai 14 nodi; 2 caroselli da 7.000 e 10.000 tonnellate che garantiscono la più elevata capacità del mercato permettendo di ridurre i tempi di trasporto dalla fabbrica al sito.
L’unità avrà poi due linee di posa indipendenti per incrementare la flessibilità operativa e forza di traino superiore a 180 tonnellate.
La flotta attuale di Prysmian è composta da tre navi posacavi (Giulio Verne, Cable Enterprise e Ulisse) e da quest’anno è interamente passata sotto la gestione tecnica della società monegasca Sea World Management.
presented by Romano Pisciotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *