INAFFONDABILE

Un gruppo di scienziati dell’Università americana di Rochester (New York) ha realizzato un nuovo tipo di struttura metallica talmente idrorepellente da risultare inaffondabile. Questa innovativa tecnologia potrebbe rivoluzionare il settore navale in quanto si potrebbero realizzare delle navi inaffondabili anche in presenza di fori o danni negli scafi.

Chunlei Guo, docente di fisica e ottica, ha spiegato sulla rivista scientifica ACS Applied Materials and Interfaces che questa scoperta si fonda su una tecnica di incisione laser a dimensione micrometrica e nanometrica, cioè frazioni di micron, che applicata su superfici metalliche permette di creare complessi motivi geometrici capaci di intrappolare l’aria. In questo modo si ottengono superfici superidrofobiche o idrorepellenti, poiché è come se un corpo immerso producesse una spinta superiore rispetto al normale.

L’idea alla base di questa struttura è ispirata agli stratagemmi adottati in natura da alcuni tipi di ragni e formiche che riescono a sopravvivere lunghi periodi sia sopra che sotto la superficie dell’acqua.

Il ragno palombaro (Argyroneta aquatica), ad esempio, crea una tela subacquea a forma di campana che riempie con piccole quantità d’aria trasportate dalla superficie tramite i peli super-idrofobici del suo addome. Questa campana, una volta riempita d’aria, consente un agevole galleggiamento, anche se perforata. Come ha infatti affermato Guo, “l’interpretazione chiave è che le superfici superidrofobiche (SH) sfaccettate possono intrappolare un grande volume d’aria, il che indica la possibilità di utilizzare le superfici SH per creare dispositivi galleggianti”.

 

ROMANO PISCIOTTI: INAFFONDABILE, I PRECEDENTI….

BISMARCK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *