Italian Maritime Economy

Quel che è certo è che l’ambiente marittimo offre opportunità lavorative importanti. A confermarlo è il rapporto Italian Maritime Economy del centro studi Srm del gruppo Intesa San Paolo, che ha analizzato lo sviluppo del settore marittimo italiano in ottica non solo occupazionale, ma anche in termini commerciali e geopolitici, posta la crescita del canale di Suez come snodo mondiale e la crescente tensione fra Cina e Stati Uniti nel controllo dei traffici.

Nell’epoca del commercio globale, l’import export via mare per il nostro Paese costituisce un’importante fonte di guadagni. E in realtà potrebbe essere sfruttato anche di più. I comparti cui il report fa riferimento sono tre: la cantieristica, che comprende sia quella navale sia il settore di chi si occupa di manutenzione e riparazione di navi e barche in genere; la logistica, comprendente il magazzinaggio, i servizi collegati al trasporto marittimo, la movimentazione delle merci, gli spedizionieri doganali e i servizi relativi alla distribuzione; infine il settore dei trasporti, intesi sia come di passeggeri che di merci.

 

Presented by Romano Pisciotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *