L’ammutinamento del Caine

Nel 1943, a Pearl Harbour, il guardiamarina Willie Keith, appena uscito dall’Accademia, s’imbarca sul dragamine “Caine”.

A bordo sembra regnare un gran disordine: benchè il comandante De Vriess e il secondo Steve Maryk siano ufficiali competenti e capaci, non tutti sulla nave fanno il proprio dovere. Quando De Vriess viene sostituito dal comandante Queeg, Willie ne è lieto; ma ben presto avrà occasione d’osservare nel nuovo comandante delle strane anomalie.

Queeg soffre infatti d’esaurimento nervoso, dovuto a cause belliche, e invano egli spera nella comprensione e nell’aiuto dei suoi subordinati: questi fanno causa comune col secondo ufficiale che, durante un furioso tifone, prende di forza il comando della nave.

Questo drammatico episodio porta ad un processo per ammutinamento, che finisce con l’assoluzione degli ufficiali accusati: la Corte ha riconosciuto la semi-infermità mentale del comandante Queeg nel momento in cui s’è svolto l’episodio, secondo la tesi sostenuta dalla difesa. Ma lo stesso difensore dice agli ufficiali, che festeggiano l’assoluzione, che Queeg vale in realtà più di loro.

 

Prima data di uscita: 24 giugno 1954 (Stati Uniti)
Regista: Edward Dmytryk
Scritto da: Herman Wouk
Candidature: Oscar al miglior attore, Oscar al miglior film.
Sceneggiatura: Stanley Roberts, Michael Blankfort

Romano Pisciotti: like

Romano Pisciotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *